Epidemia nascosta del Sud America

Cavia. Un ragazzo colombiano ottiene un test del respiro per H. pylori.

La conquista spagnola portò epidemie di vaiolo e morbillo che decimarono i popoli del Nuovo Mondo. Ma un altro agente patogeno è arrivato con i coloni, ha chiamato il batterio Helicobacter pylori, e una nuova ricerca potrebbe spiegare perché da allora ha silenziosamente causato il caos nello stomaco di alcune delle Americhe.

Più della metà di tutti gli esseri umani trasportano H. pylori e il microbo sembra proteggere dall'asma infantile e dal cancro esofageo. Tuttavia provoca ulcere gastriche ed è responsabile dell'80-90% di tutti i tumori dello stomaco, diventando così la seconda causa di mortalità per cancro al mondo dopo il tabacco. Tuttavia, non tutti coloro che ospitano il microbo sviluppano il cancro allo stomaco; in alcune parti del mondo - gran parte dell'Africa, per esempio - tali tumori sono rari anche se molte persone lo ospitano H. pylori . I microbiologi chiamano questo "l'enigma africano".

Quindi, perché alcuni sono colpiti molto più duramente di altri H. pylori ? Un gruppo guidato da ricercatori della Vanderbilt University di Nashville ha esplorato tale questione in Colombia. Il team aveva già scoperto che i tassi di cancro allo stomaco a Túquerres, una città di montagna nelle Ande, erano circa 150 / 100.000, rispetto ai 6 / 100.000 di Tumaco, una città costiera.

Nel nuovo studio, il team ha condotto analisi genetiche su 121 persone di ogni città che avevano cercato assistenza medica per il mal di stomaco. Lo studio ha confermato che il DNA delle popolazioni costiere era in gran parte di origine africana; il gruppo montuoso, d'altra parte, era in media due terzi dell'Amerino e un terzo europeo, con piccole tracce di DNA Africano.

I ricercatori hanno anche esaminato il DNA del H. pylori campioni raccolti dai 242 individui. Il batterio, che ha colonizzato gli umani per oltre 60.000 anni, si è evoluto in distinte tensioni che riflettono la sua storia, come se provenisse dall'Europa o dall'Africa. Sia i gruppi costieri che quelli montani furono colonizzati con H. pylori ceppi che avevano segmenti di DNA di origine sia africana che europea.

Sia che vivessero in montagna o sulla costa, il popolo di discendenza amerindia che trasportava in gran parte ceppi africani di H. pylori erano cinque volte più probabilità di avere un cancro gastrico o lesioni precancerose di quanto non fossero persone di origine prevalentemente africana chi ha portato ceppi simili, il gruppo riporta online oggi nel Atti della National Academy of Sciences .

Gli scienziati non avevano precedentemente esaminato il ruolo che la coevoluzione dell'ospite e dell'organismo potrebbe svolgere nel H. pylori cancro allo stomaco collegato. "Abbiamo esaminato sia il bug che le persone infette da esso", afferma la coautrice dello studio Barbara Schneider, una biologa molecolare di Vanderbilt. "Si scopre che gli antenati africani in H. pylori i ceppi, combinati con l'ascendenza dei nativi americani negli umani, sono una cattiva combinazione ".

Quelli di Tumaco, tuttavia, possono godere della loro relativa protezione contro il cancro allo stomaco perché i loro antenati africani, d'altra parte, apparentemente coevolvevano con i loro ceppi di H. pylori in modi che riducono al minimo gli effetti cancerogeni .

I ricercatori non sanno perché le persone di discendenza amerindia sono più sensibili agli africani H. pylori sequenze. Alcuni H. pylori i ceppi contengono un insieme di geni che creano una struttura a forma di ago che deposita una proteina cancerosa chiamata CagA in cellule umane. Questi ceppi sono particolarmente cancerogeni. Nello studio di Vanderbilt, tuttavia, l'impatto dell'ascendenza ospite amerindi e africani combinati H. pylori l'ascendenza era cinque volte più forte di quella di essere infettata da un ceppo che ha i geni associati alla CagA. Uno H. pylori l'interazione può essere con la dieta. Le popolazioni costiere mangiano frutta e verdura e pesce più freschi dei residenti più inclini al cancro delle Ande.

I risultati potrebbero aiutare a combattere il cancro allo stomaco offrendo un modo per determinare chi è a rischio da H. pylori infezione. Altre persone a rischio potrebbero essere trattate con antibiotici o monitorate per lesioni gastriche che potrebbero portare al cancro.

H. pylori è in gran parte innocuo, ma può essere mortale ", afferma l'esperto di malattie infettive Jay Solnick dell'Università della California, Davis, che non è stato coinvolto nella ricerca. "Abbiamo cercato per molti anni biomarcatori di coloro che dovrebbero essere trattati o sottoposti a screening intensivi. Questo potrebbe aiutare. "

Loading ..

Recent Posts

Loading ..