I giocatori d'azzardo sono più attratti dai soldi che dal sesso

Mente sui soldi. Il denaro è più motivante per i giocatori rispetto alle immagini di sesso.

SAN DIEGO, CALIFORNIA- I giocatori d'azzardo compulsivo non sono necessariamente più avidi di tutti noi - il loro cervello potrebbe essere solo collegato per favorire il denaro per il sesso. Questa è la conclusione di uno studio presentato qui oggi alla conferenza Society for Neuroscience. Questa tendenza a dare priorità al denaro rispetto a desideri più elementari assomiglia ad altre dipendenze come l'alcolismo, dicono i ricercatori, e potrebbe indicare nuove terapie.

Dei milioni di persone che giocano per divertimento o profitto, circa l'1% al 2% si qualificano come giocatori d'azzardo patologici. Non possono dimettersi nonostante incontrino gravi conseguenze negative: indebitarsi, danneggiare relazioni e persino distruggere le slot machine e viene arrestato quando l'abitudine diventa fuori controllo. Questa incapacità di fermarsi anche dopo una perdita sostenuta è una delle ragioni per cui il gioco d'azzardo è diventato la prima dipendenza comportamentale riconosciuta dal manuale diagnostico più utilizzato dalla psichiatria, il DSM-5, dice Guillaume Sescousse, neuroscienziato presso la Radboud University Nijmegen nei Paesi Bassi che guidava il nuovo studio. Dopotutto, dice, i giocatori di poker professionisti possono giocare per 10 ore al giorno e non essere considerati tossicodipendenti, a patto che si fermino quando finisce la fortuna.

I ricercatori hanno a lungo ipotizzato che la base per la dipendenza dal gioco potrebbe essere l'ipersensibilità ai massimi del denaro vincente, causato dal cablaggio disfunzionale nei circuiti neurali che processano la ricompensa. Gli studi hanno prodotto risultati contrastanti, tuttavia, così Sescousse ha deciso di indagare su un'ipotesi alternativa. Si chiedeva se invece di essere eccessivamente sensibile alla ricompensa monetaria, i giocatori compulsivi fossero meno sensibili ad altre cose gratificanti, come l'alcol e il sesso.

Per testare questa idea, lui e il suo team hanno reclutato 18 giocatori d'azzardo patologici maschili pubblicando annunci che chiedevano "Scommetti molto?" I ricercatori hanno anche reclutato 20 controlli sani. Dopo aver fatto delle valutazioni per stabilire quanto giocavano, ai volontari è stato chiesto di trovarsi all'interno di uno scanner funzionale con risonanza magnetica (fMRI) che registrava l'attività cerebrale durante un'attività che richiedeva loro di premere un pulsante il più rapidamente possibile per vincere denaro o per vedere le foto sexy delle donne. I partecipanti più veloci hanno spinto il pulsante, più motivati ​​sono stati pensati per ottenere la ricompensa. Questo paradigma sperimentale è più obiettivo di un questionario ed è stato ampiamente testato negli esseri umani e nei modelli animali, afferma Sescousse.

Prima del compito, la maggior parte dei giocatori d'azzardo ha riferito di valutare equamente denaro e sesso. I loro risultati, tuttavia, hanno mostrato un'inconscia inclinazione verso i contanti. I loro tempi di reazione quando cercavano di vincere denaro erano circa il 4% più veloci rispetto a quando si cercava di vedere l'erotismo, un effetto che "potrebbe sembrare piccolo, ma in realtà molto significativo" in questo tipo di ricerca, afferma Sescousse. Mentre i partecipanti eseguivano il compito, i ricercatori hanno osservato le loro risposte cerebrali sullo scanner fMRI, che traccia il flusso sanguigno come misura dell'attività cerebrale. Hanno scoperto che i giocatori d'azzardo avevano una risposta molto ridotta alle immagini erotiche rispetto alle immagini monetarie nello striato ventrale, una regione del cervello che elabora la ricompensa. La differenza nella risposta era molto più piccola nei controlli, dice Sescousse.

Successivamente, i ricercatori hanno esaminato l'attività cerebrale dei partecipanti in un'altra regione chiave del cervello coinvolta nella ricompensa, la corteccia orbitofrontale. In studi precedenti su persone sane, avevano notato che diverse parti della corteccia orbitofrontale rispondono a stimoli erotici e monetari - una divisione che ritengono rifletta una dissociazione tra premi innati come cibo e sesso, che sono la chiave per sopravvivere, e ricompense secondarie come come denaro e potere, che dobbiamo imparare a valutare. Nei giocatori compulsivi, la stessa regione che normalmente si illumina solo in risposta al sesso è stata attivata quando i partecipanti hanno preso in considerazione gli spunti monetari, suggerendo che interpretavano il denaro come una ricompensa più importante, dicono i ricercatori. Terapie cognitive che aumentano la sensibilità ai premi non monetari e cambiano il modo in cui i giocatori pensano al denaro, ad esempio per considerarlo uno strumento, piuttosto che una ricompensa in sé, potrebbero aiutare a risolvere questa distorsione, afferma Sescousse.

I risultati dello studio sono "convincenti", afferma il neuroscienziato George Koob, esperto di alcolismo presso lo Scripps Research Institute di San Diego, in California. È possibile che la sensibilità dei giocatori ad attività gratificanti come il sesso possa essere così smussata che il gioco d'azzardo è l'unica cosa che porta ancora piacere, dice. "Forse è tutto ciò che è rimasto."

Loading ..

Recent Posts

Loading ..