Il capo dei socialdemocratici prende in carico la transizione energetica della Germania

Convertirsi al bio. Sigmar Gabriel.

Sigmar Gabriel, capo del Partito socialdemocratico tedesco, si occupa della "Energiewende" (transizione energetica), l'ambizioso piano tedesco per eliminare gradualmente l'energia nucleare e ridurre l'uso di combustibili fossili. Il nuovo governo tedesco, una grande coalizione di cristiani e socialdemocratici, ha annunciato i suoi ministri durante il fine settimana; Gabriel, un ex ministro federale dell'ambiente, sarà a capo di un nuovo sovrintendente responsabile per l'economia e la politica energetica.

Ciò pone Gabriel, una volta responsabile della politica della musica pop del suo partito, che gli è valso il soprannome di "Siggi Pop", al timone di uno dei piani più ambiziosi del mondo per sostituire i combustibili fossili con fonti di energia rinnovabili. La Germania ha promesso di produrre il 35% della sua elettricità da fonti rinnovabili entro il 2020 e di chiudere l'ultima centrale nucleare entro il 2022.

Ma ci sono grandi ostacoli. Per uno, la Commissione europea dovrebbe annunciare un'indagine formale sui sussidi energetici della Germania già da domani. I clienti ordinari in Germania devono pagare un supplemento di energia verde per finanziare la transizione energetica del paese, ma le industrie ad alta intensità energetica sono esenti. La commissione sta indagando se ciò sia ingiusto.

Nel frattempo, Johanna Wanka rimarrà ministro della Germania per l'educazione e la ricerca. Wanka è stato nel lavoro solo per 10 mesi; ha assunto la direzione del suo predecessore, Annette Schavan, rassegnato in uno scandalo di plagio . Wanka, un matematico, è cresciuto nella Germania dell'Est ed è stato ministro della ricerca, della scienza e della cultura in due stati, il Brandeburgo e la Bassa Sassonia, prima di diventare un ministro federale. Finora, l'accordo di coalizione ha fatto poca luce sui piani del governo per la scienza e l'istruzione superiore.

Loading ..

Recent Posts

Loading ..