Il nuovo server Preprint vuole essere la risposta dei biologi all'arXiv dei fisici

Il nuovo server Preprint vuole essere la risposta dei biologi all'arXiv dei fisici

Un noto laboratorio di ricerca sta gettando il suo peso dietro un'idea che alcuni biologi dicono sia matura per il loro campo: un sito web gratuito che pubblicherà manoscritti grezzi online prima di essere sottoposti a un diario.

BioRxiv , lanciato ieri dall'organizzazione no profit Cold Spring Harbor Laboratory (CSHL), si propone di essere la versione dei biologi di arXiv, il popolare server di preprint dove i fisici hanno condiviso i loro progetti di manoscritti per più di 20 anni. L'obiettivo è quello di accelerare la diffusione della ricerca e dare agli scienziati un modo per ottenere un feedback sui loro documenti prima di essere formalmente sottoposti a peer-review, afferma John Inglis, direttore esecutivo della CSHL Press. "C'è un crescente desiderio nella comunità per questo tipo di servizio", afferma Inglis.

Sarà libero di presentare un articolo o di leggerlo in bioRxiv, afferma Inglis. CSHL sta pagando i costi del servizio (declina di specificarli) ma spera che, come arXiv, alla fine attrarrà contributi. Sebbene chiunque possa presentare un documento, non tutto sarà pubblicato: un gruppo di oltre 40 scienziati "affiliati" hanno accettato di sottoporre a screening le submission per "assicurarci che questa è una vera scienza", afferma Inglis. "Certamente non vogliamo che l'impresa venga affondata pubblicando un mucchio di cazzate."

Un altro limite è che bioRxiv è per le scienze della vita, non per la medicina, quindi non pubblicherà studi clinici o altre ricerche che siano "clinicamente rilevanti", afferma Inglis. Tuttavia, potrebbero essere pubblicati dati genetici umani.

Il sito debutta con una manciata di carte e alcune caratteristiche insolite. Ad esempio, i contributori non solo taggano il loro articolo con il campo scientifico, ma devono anche contrassegnarlo come "Nuovi risultati", "Risultati confermativi" o "Risultati contraddittori", a seconda che si tratti di un anticipo o conferma o contraddice gli esperimenti precedenti . I ricercatori possono pubblicare versioni riviste del documento e aggiungere collegamenti al documento pubblicato.

BioRxiv non è una nuova idea. Quattordici anni fa, il direttore del National Institutes of Health (NIH), Harold Varmus, propose un server di pre-stampa per i documenti di biologia. I critici lo hanno abbattuto per numerose ragioni, incluso il disagio per il governo che ospita un tale deposito. (L'idea, tuttavia, ha portato a PubMed Central , L'archivio di NIH di manoscritti pubblicati a testo completo.)

Alla fine apparvero server Preprint rivolti alla biologia, incluso Precedenti naturali . Ha pubblicato migliaia di manoscritti per 5 anni ma è stato chiuso l'anno scorso perché è diventato "insostenibile", secondo il diario. La biblioteca pubblica di scienza fatto un tentativo di preprints 4 anni fa con le correnti di PLOS: influenza, ma apparentemente si è trasformato in a giornale peer-reviewed . Gli sforzi più recenti includono PeerJ PrePrints e Ricerca F1000 ; quest'ultimo sito organizza una revisione a pari della carta e addebita una commissione.

Gli scettici hanno sottolineato che la cultura della biologia è diversa dalla fisica - i biologi sono spesso riluttanti a condividere i loro risultati fino a quando non sono stati convalidati attraverso la revisione tra pari. Un'altra preoccupazione è che alcune riviste possono rifiutare manoscritti che sono già stati condivisi pubblicamente. Ma dipende dal diario. L'università della California, Los Angeles, conserva il genetista Leonid Kruglyak, un consulente di bioRxiv un elenco di politiche del giornale su Wikipedia . ( Natura consente la pubblicazione di preprint; Scienza fa in alcuni casi; maggior parte Cellula le riviste no.)

Il comitato consultivo di 15 membri di BioRxiv include alcuni nomi importanti, tra cui il creatore di arXiv Paul Ginsparg e Anurag Acharya, co-fondatore di Google Scholar. Kruglyak dice che il sito ha una buona possibilità di successo perché i preprints di biologia stanno prendendo piede. Negli ultimi due anni, molti biologi quantitativi hanno inviato i preprints ad arXiv, osserva Kruglyak. Ma quel deposito "non è progettato per piacere ai biologi in senso lato" e non è in grado di gestire tutti i loro documenti, dice. Le funzionalità di commento di BioRxiv lo distingueranno anche da arXiv.

Inglis è un po 'più cauto: "Sicuramente ci rendiamo conto che possono essere necessari cambiamenti culturali", afferma, "se gli scienziati non sono interessati, aggiunge," avremo imparato qualcosa ".

Loading ..

Recent Posts

Loading ..