Il trattamento per la manifestazione di malaria dormiente promette

La malaria Vivax, mostrata qui nel flusso sanguigno, può nascondersi fuori dalle cellule epatiche.

Il primo nuovo farmaco in mezzo secolo per colpire i parassiti della malaria in uno dei loro migliori nascondigli sta mostrando risultati incoraggianti. I ricercatori che hanno sviluppato il farmaco, chiamato tafenoquina, hanno affermato che i dati di uno studio di fase II recentemente completato sono stati abbastanza promettenti da far iniziare presto uno studio di fase III, l'ultimo passaggio prima di chiedere l'approvazione ai regolatori di droga.

La tafenoquina uccide il parassita della malaria quando è in agguato nelle cellule del fegato, in una forma chiamata ipnozoite o "parassita che dorme". Gli ipnozoiti non causano alcun sintomo e sono impossibili da rilevare con gli esami del sangue. Ma quando sono innescati da segnali che non sono completamente compresi, possono riattivarsi per causare un nuovo attacco di malaria, che può essere poi raccolto dalle zanzare e trasmesso a nuove vittime. Cinque specie di Plasmodium può causare la malaria negli esseri umani. Due di loro- Plasmodium vivax , che è molto diffuso e relativamente raro P. ovale -possono formare ipnozoiti. Questa capacità di nascondere è una delle cose che fa P. vivax così difficile da eliminare da una regione .

Ora, l'unico trattamento che può curare vivax i parassiti che nascondono la malaria e tutto-è un corso di 14 giorni di un farmaco chiamato primizia, che è stato sviluppato negli anni '40. Funziona abbastanza bene, ma è difficile per le persone che non si sentono male completare l'intera 2 settimane. "La conformità con il regime attuale è davvero un problema", afferma JP Kleim, direttore dello sviluppo clinico della società farmaceutica GlaxoSmithKline (GSK). "La malaria acuta scompare dopo alcuni giorni [di trattamento]," quindi la motivazione dei pazienti a continuare ad assumere farmaci è bassa. Ecco perché GSK ha deciso di sviluppare la tafenoquina, insieme a Medicines for Malaria Venture, un'organizzazione no-profit con base a Ginevra. I partner hanno avviato una sperimentazione nel 2011 per testare se una singola dose di tafenoquina potesse funzionare così come il ciclo di primaquine di 2 settimane.

I dati, presentati oggi all'American Society of Tropical Medicine e Hygiene Annual Meeting a Washington, DC, suggeriscono che una singola dose funziona molto bene. Il processo ha coinvolto 329 pazienti in Brasile, India, Tailandia e Perù. Nei pazienti che hanno ricevuto una dose da 300 mg o 600 mg del farmaco, il 90% non ha avuto recidive dopo 4 mesi. I partner ora andranno avanti con uno studio di fase III, testando la sicurezza e l'efficacia della dose da 300 mg in 600 pazienti, afferma Marcus Lacerda del Fundação de Medicina Tropical Dr. Heitor Vieira Dourado a Manaus, in Brasile, che ha aiutato a coordinare lo studio e ha presentato i risultati alla riunione di oggi.

Un farmaco monodose sarebbe un enorme vantaggio nella lotta contro la malaria del vivax, afferma Ric Price della Menzies School of Health Research di Darwin, in Australia, e dell'Università di Oxford nel Regno Unito. "Una delle maggiori sfide che dobbiamo affrontare è come possiamo trattare in modo adeguato e affidabile la fase dell'ipnozoite."

Loading ..

Recent Posts

Loading ..