L'atterraggio della NASA si tufferà oggi su Marte in una straziante discesa di 6 minuti.

L'atterraggio della NASA si tufferà oggi su Marte in una straziante discesa di 6 minuti.

Dodici propulsori rallenteranno InSight verso la superficie di Marte.

JPL-Caltech/NASA

PASADENA, CALIFORNIA. Un posto noioso su Marte sta per diventare davvero interessante. Più tardi oggi, alle 11:54 del PST, la navicella spaziale InSight della NASA da 814 milioni di dollari tenterà di atterrare su una piana pianura lavica vicino all'equatore marziano. La missione sarà il primo atterraggio della NASA sul Pianeta Rosso dal rover Curiosity nel 2012.

"Sono davvero sicuro, personalmente, che atterreremo in sicurezza", dice Bruce Banerdt, il principale investigatore della missione qui al Jet Propulsion Laboratory (JPL). "Non significa che non sono nervoso."

Le dimensioni di un SUV, InSight è progettato per esplorare l'interno marziano percependo "marsquake". Ha trascorso gli ultimi 6 mesi in modo disomogeneo navigando nello spazio, apportando occasionali modifiche alla sua traiettoria. Questa calma si romperà alle 11:41 del mattino, quando la navicella spaziale ruota e presenta il suo scudo termico all'atmosfera. Alle 11:47 del mattino, la navicella spaziale inizierà il suo tuffo urlante verso la superficie; l'attrito farà salire la temperatura dello scudo termico fino a 1500°C.

La discesa durerà poco più di 6 minuti, meno dei "7 minuti di terrore". reso famoso dal rover Curiosity. (E anche meno degli 8 minuti necessari alla comunicazione per raggiungere la Terra da Marte; tutti i tempi di questa storia riflettono l'arrivo del segnale di InSight). Basato sulla navicella spaziale Phoenix della NASA, che è atterrata nel 2008, InSight usa i retrorocket per rallentare direttamente l'imbarcazione, piuttosto che un". gru a cielo "per abbassarsi come Curiosità. Ma InSight è più pesante di Phoenix, e il suo punto di atterraggio è 1,5 km più alto, il che significa che c'è meno atmosfera per rallentare la navicella spaziale. Questo significava rinforzare le linee di sospensione dello scudo termico e del paracadute di InSight.

Dopo aver dispiegato il paracadute, InSight scarterà il suo scudo termico ed estenderà tre gambe. Un radar montato sulla pancia inizierà a percepire il terreno in avvicinamento. Dopo essersi staccati dal paracadute, 12 propulsori rallenteranno la discesa dell'atterraggio a poco più di 2 metri al secondo prima che l'atterraggio avvenga.

Se tutto va come sperato, la NASA prenderà la parola di un atterraggio sicuro grazie a due navicelle spaziali delle dimensioni di una valigetta che sono state lanciate con InSight, chiamate insieme Mars Cube One (MarCO). Questi primi CubeSat interplanetari interplanetari hanno antenne sperimentali che trasmetteranno il segnale di InSight sulla Terra da 10 a 20 secondi dopo l'atterraggio. Una piccola perdita di carburante su uno dei CubeSat ha costretto i suoi ingegneri a compensare creativamente, inclinando il veicolo spaziale in modo che la perdita spinga nella traiettoria desiderata, dice Joel Krajewski, project manager di MarCO al JPL. "La traiettoria attuale è completamente buona."

I satelliti MarCo potrebbero anche trasmettere la prima immagine del sito di atterraggio di InSight. L'immagine, che potrebbe arrivare diverse ore dopo l'atterraggio, trasmessa da un orbita che passa sopra la testa, sarà confusa: le due telecamere del lander avranno ancora i tappi di protezione. Ma dovrebbe essere sufficiente per dare agli scienziati del JPL una buona occhiata al loro luogo di atterraggio. "Speriamo che sia piatta e noiosa", dice Tom Hoffman, project manager della missione al JPL.

Se la MarCO non fa il lavoro, la NASA dovrebbe comunque sentire un "beep" direttamente da InSight entro le 12:01 di sera. Tuttavia, una delle fasi più critiche dell'atterraggio non si verificherà fino a 16 minuti dopo il touchdown, quando la polvere che il suo atterraggio ha dato il via libera e Insight dispiega i suoi due pannelli solari. Un rapporto sullo stato dei pannelli non arriverà fino a circa 5 ore dopo l'atterraggio. "Francamente, sarò un po' nervoso finché non avrò i pannelli solari fuori", dice Hoffman. "Dopo di che, dovremmo essere in buona forma."

Gli scienziati della NASA hanno scelto la zona di atterraggio di InSight, il vasto e noioso Elysium Planitia, perché sono interessati all'interno di Marte, non alla sua superficie. Le rocce sulla superficie potrebbero complicare il posizionamento dei due strumenti primari del lander - un sismometro sensibile e una sonda di calore - direttamente sulla superficie con un braccio robotizzato. Il team di InSight impiegherà diversi mesi per scegliere dove collocarli. Il processo rispecchia la selezione di un sito di atterraggio, ed entrambi gli sforzi sono stati condotti dallo stesso scienziato del JPL, Matthew Golombek. "E' piuttosto semplice", dice lui. "Non vogliamo una roccia sotto. Non vogliamo un pendio troppo ripido. "Non vogliamo che il materiale sottodensato in cui sprofondi."

Una volta che i mission manager sono pronti, il braccio robotico di InSight raccoglierà il sismometro da pallavolo dal ponte di atterraggio e lo metterà a terra, con la sua potenza fornita da una cinghia. Il braccio, come una campana di vetro e uno scudo termico sopra di esso come una campana di vetro. La stazione, sviluppata dai partner francesi, catturerà rombi di marsquake, importanti per interpretare l'interno del pianeta. Per evitare le vibrazioni del vento che potrebbero far scattare le sue misure, sarà posizionato il più lontano possibile dal lander, fino al limite del braccio di circa 1,5 metri di distanza.

La sonda termica, sviluppata da partner tedeschi, sarà utilizzata subito dopo. Nel corso di poche settimane, spingerà un'asta di 5 metri in superficie con migliaia di colpi di martello di tungsteno, scivolando intorno a piccole rocce - e speriamo non colpendo quelle più grandi. La sonda di calore misurerà la quantità di calore che fuoriesce dal pianeta e quanto velocemente, un indizio di quando è stato più attivo dal punto di vista vulcanico. Ma se c'è un solo sito ideale per gli strumenti, il sismometro ha la priorità, dice Golombek, in quanto è il principale carico utile scientifico di InSight.

Una volta completato tutto questo lavoro, InSight può finalmente mettersi al lavoro, utilizzando i 50-100 marsquake che potrebbe vedere nei suoi 2 anni di missione primaria per rivelare le dimensioni e la composizione dell'interno marziano e, a sua volta, la storia della sua creazione.

Loading ..

Recent Posts

Loading ..