L'unica cosa che riguarda l'amicizia può essere il numero dei tuoi amici

Rimaniamo in contatto. Un diagramma che mostra il numero e la frequenza delle chiamate tra studenti secondari britannici (punti gialli) e i loro amici e familiari (punti blu) prima di partire per l'università.

Gli amici vanno e vengono, ma il numero di amici intimi che hai può rimanere sorprendentemente costante. Questo è il risultato principale di un nuovo studio in cui i ricercatori hanno utilizzato i dati dei cellulari dagli studenti delle scuole secondarie britanniche mentre passavano all'università per tenere traccia di quanti stretti collegamenti sociali mantenevano. La ricerca suggerisce anche che le persone hanno distinte "firme" sociali o schemi di intimità con gli altri, che tendono a mantenere nel tempo.

Indipendentemente dal numero di amici di Facebook che una persona ha, la maggior parte delle persone mantiene solo un piccolo numero di relazioni emotivamente intense, dice Jari Saramäki della Aalto University School of Science di Espoo, in Finlandia, uno scienziato computazionale che studia i social network. Gli studi dimostrano che queste relazioni intime sono vitali per la nostra salute e il nostro benessere. Ma hanno un costo: tempo e fatica che tolgono al lavoro, al tempo personale o ad altre relazioni. Quindi le differenze individuali nel numero di legami stretti probabilmente riflettono la capacità di ciascuna persona di dividere le risorse limitate del tempo, della comunicazione e degli investimenti emotivi che sono necessari per sostenere le relazioni, dicono gli scienziati.

Data l'importanza e la difficoltà di creare legami che ci sostengono, Saramäki e colleghi volevano sapere cosa sarebbe successo ai social network degli studenti mentre passavano dalla scuola secondaria all'università, un periodo di flusso significativo. Hanno reclutato 24 studenti di età compresa tra i 17 e i 19 anni, metà maschi e metà femmine e hanno dato a ciascuno un contratto di 18 mesi da un'importante compagnia di telefonia mobile con 500 minuti mensili gratuiti e testi illimitati. Tutti gli studenti hanno vissuto nella stessa città del Regno Unito quando è iniziato lo studio; alla fine, 10 erano partiti per le università in altre parti dell'Inghilterra. Quando hanno ricevuto i telefoni, ogni studente ha compilato un questionario con l'elenco dei nomi e dei numeri di telefono di tutti i suoi amici non collegati e dei conoscenti del lavoro e della scuola, nonché di tutti i loro familiari conosciuti. Quindi, hanno classificato tutti quegli individui su una scala da 1 a 10 di vicinanza emotiva, con 10 che significa qualcuno con cui hai una relazione profondamente personale. "

Ad ogni studente è stato chiesto di compilare di nuovo lo stesso questionario, 9 mesi dopo e una terza volta, dopo 18 mesi. Livelli più elevati di "vicinanza emotiva" nelle indagini hanno paragonato il numero e la durata delle chiamate durante lo studio, rassicurando i ricercatori che le frequenti telefonate erano un indicatore ragionevole di intimità. Analizzando le fatture telefoniche degli studenti, i ricercatori sono stati in grado di costruire un sistema di classificazione per ciascun contatto in base alla frequenza e alla durata delle chiamate.

Sebbene esistessero alti livelli di turnover nei nomi della rete di ciascun individuo, le caratteristiche di base della rete stessa - quante persone chiamavano una persona e quanto tempo trascorrevano al telefono con loro - sono rimaste le stesse per tutto il periodo di 18 mesi. . Ad esempio, i primi tre contatti di una persona in genere hanno ricevuto dal 40% al 50% delle chiamate della persona, gli autori riportano oggi nel Atti della National Academy of Sciences . Saramäki fa attenzione a notare che lo studio non ha stabilito il motivo per cui gli studenti hanno riorganizzato le loro vite sociali, ma un'interpretazione brusca è che le circostanze dei soggetti sono cambiate, non si sono adattati ai loro vecchi migliori amici, semplicemente li hanno sostituiti con nuovi.

I genitori, i fratelli e altri parenti erano meno propensi a perdere precipitosamente il grado o semplicemente cadere dalla lista delle chiamate, dice Saramäki. "Per mantenere il rango, devi essere un parente." Ma la sorprendente stabilità delle preferenze individuali per l'organizzazione e la limitazione delle interazioni sociali gli suggerisce che ogni persona ha le sue preferenze distinte, o forse la capacità, per mantenere quei legami.

"Sarebbe molto bello vedere cosa succede per le persone di diverse fasce d'età e situazioni sociali" per vedere se persiste lo stesso schema, dice Saramäki. Ad esempio, dopo che le persone lasciano il college, le loro reti potrebbero ridursi o "diventare sempre più congelate" col passare del tempo, suggerisce. Saramäki spera nelle ricerche future di studiare gruppi più ampi di persone per periodi di tempo più lunghi e di includere altre forme di comunicazione come i social media.

I risultati "suggeriscono un certo" vincolo di budget "nel numero di legami che si potrebbero mantenere, che è stato suggerito da studi precedenti, ma non è ancora universalmente accettato", afferma David Lazer, scienziato di rete presso l'Università di Harvard. Concorda con Saramäki sul fatto che "bisogna stare molto attenti" per estrapolare dai risultati dello studio a causa del suo campione piccolo e omogeneo. Se esiste un tale vincolo può dipendere anche dal tipo di comunicazione utilizzata, ad esempio, non è possibile passare 24 ore al giorno a parlare al telefono, ad esempio.

Loading ..

Recent Posts

Loading ..