La carne essiccata "resuscita" le specie perse di balena

Una balena di mistero. Il DNA di una balena con becco incagliato nelle Seychelles (in alto) e uno studio ravvicinato del suo cranio (in basso) hanno contribuito alla riscoperta di M. hotaula.

Un dono di carne di balena essiccata - e qualche intelligente detenzione genetica attraverso quasi 16.000 chilometri di acque equatoriali - ha aiutato gli scienziati a identificare un animale da tempo dimenticato come una nuova specie di balena dal becco. La "resurrezione" solleva nuove domande sulle balene dal becco, il più elusivo e misterioso dei cetacei.

"Letteralmente non si sa nulla della maggior parte delle specie di balene dal becco; sono probabilmente la famiglia meno conosciuta di grandi mammiferi ", dice Robin Baird, un biologo di cetacei del Cascadia Research Collective di Olympia. "Quindi è emozionante avere questo studio."

Le specie, Mesoplodon hotaula , è un cetaceo blu scuro di dimensioni Volkswagen con il muso prominente che dà alle balene il loro nome comune. La prima volta è stata l'attenzione degli scienziati nel 1963, quando una singola femmina adulta si arenò sulle coste dello Sri Lanka nell'Oceano Indiano. Il direttore dei musei nazionali di Ceylon, P. E. P. Deraniyagala, decise che era diverso dall'altro Mesoplodon specie conosciute in quel momento e gli hanno assegnato il nome hotaula , che significa "becco appuntito" nella lingua locale di Sinhala. Ma solo 2 anni dopo, M. hotaula è stato eliminato come una specie quando altri ricercatori hanno deciso che era identico a M. ginkgodens (un'altra balena dal becco che gli scienziati conoscono solo dalle carcasse bloccate e che non hanno mai visto vivi nel mare).

Quarant'anni dopo, gli abitanti di un atollo delle Isole Gilbert, parte della Repubblica di Kiribati nel Pacifico occidentale, hanno dato a un biologo marino in visita delle strisce essiccate di carne di balena lasciate da un recente festival. Il campione è stato consegnato a genetisti di cetacei presso l'Università di Auckland, in Nuova Zelanda, che aveva raccolto un database del DNA di tutte le balene dal becco conosciute. "È stata una sorpresa, perché le sequenze genetiche della carne non corrispondevano a nessuna delle specie conosciute", dice Scott Baker, un genetista di cetacei ora all'Istituto di mammiferi marini dell'Oregon State University di Newport, e uno degli autori dello studio . "Pensavamo di avere una nuova specie".

Poi, nel 2005, altri coautori hanno raccolto ossa e denti di balena sull'atollo di Palmyra, che si trova a sud-est delle isole Hawaii e a 2600 chilometri a nord-est delle isole Gilbert. Le sequenze genetiche estratte da questi campioni corrispondevano a quelle della carne essiccata. "Sapevamo che eravamo a qualcosa", dice Baker. Infine, nel 2009, il corpo di una balena dal becco è stato trovato nelle Seychelles, nella parte occidentale dell'Oceano Indiano; il suo DNA corrispondeva anche a quello del campione di carne secca, anche se questa balena viveva a decine di migliaia di chilometri dalle isole Gilbert.

Questa era la chiave che i ricercatori avevano bisogno. "Ci siamo subito chiesti, 'Potrebbe essere la balena dal becco di Deraniyagala?'" Dice Baker. Era. Il team riferisce resurrezione del dimenticato M. hotaula oggi a Scienza dei mammiferi marini . Conteggio M. hotaula , ci sono ora 15 specie conosciute in questo genere, rendendolo di gran lunga il genere più ricco di specie di cetacei.

Nel complesso, la saga di M. hotaula mostra "che probabilmente ci sono ancora più specie di balene dal becco che non conosciamo", afferma Phil Clapham, un mammifero marino al National Marine Mammal Laboratory di Seattle, Washington. "Noi non li vediamo perché sono molto profondi e vivono lontano dalla terra". Vivono anche in una parte dell'oceano poco sorvegliata, dice Baker, dove pochissime persone abitano su atolli remoti.

Curiosamente, sono gli isolani che sembrano sapere di più M. hotaula e alcune altre balene dal becco. I residenti delle Isole Gilbert che hanno fornito il dono originale della carne secca hanno riferito che proveniva da una delle sette balene che avevano portato sulla spiaggia e ucciso. "Era qualcosa che non sapevamo: che queste balene dai becchi vivono in gruppi", dice Baker. "Pensavamo fossero solitari" a causa dei singoli individui rimasti a terra che si trovano occasionalmente. Gli scienziati credono anche che i maschi di M. hotaula combattersi a vicenda, perché questo comportamento è noto in altre specie di balene dal becco e perché i denti di due esemplari maschi adulti sono stati rotti. "A parte questo, e sapendo che Deraniyagala aveva ragione, M. hotaula è ancora piuttosto misterioso ", dice Baker, che spera di lanciare una spedizione per saperne di più su di loro.

Loading ..

Recent Posts

Loading ..