Le mamme di ragno hanno visto allattare i loro figli con il latte.

In una notte d'estate del 2017, Chen Zhanqi ha fatto una scoperta curiosa nel suo laboratorio nella provincia cinese dello Yunnan. In un nido artificiale, ha avvistato un giovane ragno saltellante attaccato alla madre in un modo che gli ricordava un piccolo mammifero che succhiava le tettarelle della madre. A ben guardare, la mamma ragno sembrava davvero puntare sul suo giovane, dice. "Ha dovuto investire cosi' tanto nella cura del bambino."

Ulteriori studi di Chen e Quan Rui-Chang, ecologisti comportamentali presso il Centro per la conservazione integrativa dell'Accademia cinese delle scienze a Menglunzhen, hanno confermato che le femmine di ragni saltellanti producevano effettivamente latte per i loro figli e che hanno continuato a farlo anche dopo che i ragni sono diventati adolescenti, riferiscono oggi.

Fornire insieme latte e cure a lungo termine è praticamente inedito negli insetti e in altri invertebrati. E con l'eccezione dei mammiferi, non è nemmeno quella comune tra i vertebrati. Come tale, i risultati "aiutano ad aumentare la nostra comprensione delle origini evolutive di forme complesse di cure parentali", dice Nick Royle, un ecologo comportamentale dell'Università di Exeter nel Regno Unito che non è stato coinvolto nel lavoro. Suggeriscono che la maternità prolungata potrebbe non richiedere il complesso potere cerebrale che i ricercatori hanno assunto, dice.

Le femmine di questa specie di ragno che salta ( Toxeus magnus ) depongono tra due e 36 uova alla volta. Non appena le uova si schiudono, la madre inizia a depositare piccole gocce di latte intorno al nido, Chen e colleghi osservati in laboratorio. Quando i membri del team hanno analizzato il liquido, hanno scoperto che conteneva quattro volte la proteina del latte vaccino, oltre a grassi e zuccheri.

Nei loro primi giorni, i piccoli ragni sorseggiavano gocce di questo latte di ragno intorno al nido, hanno osservato i ricercatori. Ma ben presto cominciarono ad allinearsi all'ingresso del canale del parto della madre per allattare. A 20 giorni, hanno iniziato a cacciare fuori dal nido, ma hanno continuato a integrare la loro dieta con il latte maturo fino alla maturità sessuale, altri 20 giorni.

Quando Chen dipinse sopra i canali natali delle madri per tagliare la fornitura di latte, morirono tutti i ragni di età inferiore ai 20 giorni. Quando ha rimosso la madre dal nido, i ragni più anziani sono cresciuti più lentamente, hanno lasciato il nido prima, e avevano piu' probabilita' di morire prima dell'eta' adulta. , lui e i suoi colleghi riferiscono oggi a La scienza . Altri ragni possono restare in giro con i loro piccoli per qualche giorno, ma raramente li nutrono.

Il "latte" può essere uova liquefatte che vengono rilasciate prematuramente dal canale del parto, dice Quan. Alcuni anfibi e altri invertebrati depongono simili "uova trofiche" per la prole da mangiare, osserva, anche se solo quando la prole è molto giovane. Anche gli scarafaggi producono "latte", ma quel nutrimento viene semplicemente assorbito passivamente attraverso il guscio d'uovo dei loro embrioni e non fa parte della dieta degli scarafaggi nati.

L'assistenza parentale di lunga durata che il team ha osservato nel saltare i ragni esiste principalmente solo in pochissimi vertebrati sociali di lunga durata, come gli esseri umani e gli elefanti, dice Quan. "L'assistenza materna estesa indica che anche gli invertebrati si sono evoluti."

Rosemary Gillespie, un ecologo evoluzionista dell'Università della California, Berkeley, nota che anche altre specie di ragni sembrano provvedere ai loro piccoli. Uno studio degli anni '90 ha osservato che i ragnatele della tela d'imbuto spider Coelotes ha mangiato gocce chiare e gialle di liquido o grappoli brunastri depositati sul web. Le madri di un altro ragno chiamato Amaurobius che i ragni divorano immediatamente.

Queste cure spesso segnalano un bisogno dei figli più grande del solito, dice Royle. Per esempio, se c'è la possibilità che non ci sia cibo per i neonati, o che i giovani ragni possano essere mangiati da altri predatori prima che abbiano la possibilità di crescere e riprodursi, allora può avere senso per una madre diventare un genitore "elicottero", spiega. Poiché questo comportamento, aggiunge, è probabile che si evolva solo in situazioni estreme.

Loading ..

Recent Posts

Loading ..