Non importa. La NASA dice che vietare agli studenti cinesi era un equivoco

Galassia della Via Lattea

Era tutto solo un fraintendimento.

Questa è la spiegazione della NASA per la decisione di impedire a sei cittadini cinesi di partecipare a una conferenza che si terrà presso il Centro di ricerca Ames della NASA in California. L'agenzia ha ora annullato questa decisione. E dice che un divieto che il capo dell'agenzia Charles Bolden ha imposto a marzo ai cittadini dalla Cina e ad altri sette paesi di partecipare agli eventi presso le strutture della NASA non è più in vigore - e non lo è stato dal luglio scorso.

All'inizio di questo mese, i funzionari della NASA Ames hanno informato i sei individui - tutti laureati in università statunitensi - che non potevano registrarsi alla conferenza dal 4 all'8 novembre per discutere le scoperte scientifiche della missione Kepler a causa del linguaggio del rappresentante Frank Wolf (R -VA) ha inserito un progetto di stanziamento per il 2011. La decisione ha scatenato la protesta dei partecipanti alla conferenza, alcuni dei quali hanno minacciato di boicottare l'evento. Ha anche spinto Wolf inviare una lettera feroce a Bolden sottolineando che la sua legislazione non avrebbe potuto essere la base per la decisione della NASA. Tra le altre cose, la legislazione proibisce alla NASA di ospitare rappresentanti del governo cinese presso le strutture dell'agenzia; tuttavia, non pone alcuna restrizione generale sui cittadini cinesi che entrano nei centri della NASA.

In realtà, hanno detto i funzionari, la decisione di bloccare gli studenti si basava sulla politica che Bolden aveva annunciato in un'audizione del Congresso a marzo. Bolden ha detto che si tratterebbe di una moratoria temporanea e che sarebbe stata revocata dopo che la NASA avrebbe completato una revisione interna delle procedure di sicurezza per consentire ai cittadini di questi paesi di accedere alle strutture della NASA.

Questa recensione si è conclusa a luglio, secondo un portavoce della NASA. Ma non tutti nella dirigenza della NASA sembrano essere consapevoli del fatto che la moratoria non era più in vigore quando gli studenti cinesi hanno tentato di iscriversi alla conferenza di Ames.

Il tumulto che ne risulta sembra aver sollevato la nebbia della confusione . "La decisione iniziale sulla conferenza di Keplero si basava su un fraintendimento interno della moratoria dell'accesso agli stranieri da parte dell'Amministratore implementata a marzo, che non è più in vigore", scrive Allard Beutel, un portavoce della NASA, in una e-mail a Scienza Insider. "Ma poiché la NASA è stata sostanzialmente chiusa durante la chiusura del governo federale (fino al 17 ottobre), non siamo stati in grado di affrontare e porre rimedio a questa situazione prima di giovedì scorso."

Beutel ha detto che la NASA ha chiesto alla National Academy of Public Administration (NAPA) di condurre una revisione indipendente della sicurezza delle sue strutture e procedure. "La NASA sta lavorando a stretto contatto con il team di revisione NAPA e attende le sue conclusioni", scrive.

Loading ..

Recent Posts

Loading ..