NSF consiglia i candidati di scienze politiche a prestare attenzione all'emendamento del senatore

Nuove regole. La direttrice della NSF ad interim Cora Marrett spiega come l'agenzia esaminerà la prossima tornata di domande di sovvenzione per le scienze politiche.

Gli scienziati politici che cercano di ottenere una sovvenzione dalla US National Science Foundation (NSF) dovrebbero spiegare come la loro ricerca contribuirà allo sviluppo o alla sicurezza economica della nazione.

Quel consiglio, offerto pubblicamente venerdì scorso da NSF, è un cambiamento rispetto alle pratiche attuali. Riflette la lingua in un controverso emendamento del senatore Tom Coburn (R-OK) a un conto di spesa a livello di governo approvato dal Congresso lo scorso marzo . Ritiene che i due criteri esistenti di NSF per la revisione delle proposte, il loro merito scientifico e gli "impatti più ampi" della ricerca, non garantiscano che il programma di scienze politiche da 10 milioni di dollari dell'agenzia sarà speso saggiamente. In effetti, l'emendamento di Coburn aggiunge un terzo criterio, vale a dire che la ricerca contribuisce allo sviluppo economico o alla sicurezza nazionale. La comunità di ricerca ha attaccato a fondo la nuova lingua.

Una lettera del 1 ° novembre pubblicata sul sito web dell'agenzia indica ai richiedenti di "tenere a mente" la lingua di Coburn quando preparano le candidature per il prossimo termine di sovvenzione, il 15 gennaio. Joanne Tornow, responsabile della direzione sociale, comportamentale ed economica della NSF che comprende la scienza politica, lo scrive "Il rapporto tra la ricerca proposta e questi obiettivi dovrebbe essere affrontato sia nella sezione di impatto più ampia del sommario del progetto che nella descrizione del progetto".

Questo nuovo approccio mette in crisi alcuni scienziati politici. "L'integrazione della lingua di Coburn cambierà il gioco per i PI, per i revisori e per gli ufficiali di programma", prevede Jim Granato, capo del Centro di hobby per le politiche pubbliche dell'Università di Houston in Texas e ex ufficiale del programma NSF. "Potresti spaventare alcune persone", aggiunge, speculando che alcuni ricercatori potrebbero cercare finanziamenti da altre aree del programma NSF, come la legge o la sociologia, per evitare di essere influenzati dalla lingua Coburn, che si applica solo al programma di scienze politiche.

La regista di NSF, Cora Marrett, tuttavia, sta minimizzando l'impatto del linguaggio del Congresso sulla comunità e sulla qualità del portafoglio di NSF. "La lettera alla comunità dice che la legge attuale è in vigore", ha detto ieri alla riunione annuale di Washington del Consorzio delle associazioni di scienze sociali (COSSA). "Ma significa che ci aspettiamo che ogni proposta presentata riguardi la sicurezza nazionale e lo sviluppo economico? Affatto. Conosciamo la comunità. E se l'approccio è abbastanza ampio, non dovrebbe essere un problema sostenere i progetti di prim'ordine che arrivano. Quindi non sono preoccupato per le conseguenze sul programma ".

Alla riunione del COSSA, Marrett e altri funzionari delle agenzie senior hanno descritto come l'agenzia abbia faticato a integrare l'emendamento di Coburn nel suo sistema di revisione del merito. In particolare, la sfida consisteva nell'applicare il terzo criterio alle proposte che erano state scritte prima dell'adozione.

I funzionari della NSF non volevano "cambiare le regole nel midstream", spiega Tornow. Quindi, la scorsa primavera, l'agenzia ha deciso di rivedere quelle proposte già in mano utilizzando i due criteri tradizionali. Poi, diverse settimane dopo, NSF ha convocato un secondo panel che applicava il linguaggio di Coburn "a quelle proposte ritenute più meritorie". I responsabili del programma hanno quindi soppesato entrambi i gruppi di commenti prima di presentare le proprie raccomandazioni di finanziamento ai rialzi. Tornow ha detto che NSF comunicherà agli scienziati a fine mese il destino delle loro proposte.

Al contrario, le revisioni del panel delle comunicazioni di gennaio 2014 si svolgeranno in un'unica fase anziché in due. Oltre ad applicare i criteri regolari di NSF, Tornow scrive, i revisori "saranno invitati a fornire input sul grado in cui i progetti di ricerca proposti promuovono la sicurezza nazionale o gli interessi economici degli Stati Uniti." I responsabili dei programmi prenderanno in considerazione tali opinioni quando fare raccomandazioni di finanziamento, spiega Tornow.

Tornow ha detto al pubblico della COSSA che il nuovo processo "è in linea con quello che facciamo sempre in NSF." Può essere vero, tecnicamente, ma richiederà ancora che gli scienziati politici giochino con nuove regole.

Loading ..

Recent Posts

Loading ..