Perché quella puntura d'ape potrebbe essere buona per te

Le allergie possono conferire protezione dalle tossine, tra cui le api velenose consegnano quando pungono.

Chi soffre di allergie, gioire. Due nuovi studi suggeriscono che il tuo starnuto e il respiro affannoso potrebbero effettivamente proteggerti. I ricercatori riferiscono che i topi che sviluppano una reazione allergica al veleno nelle punture di api da miele hanno più probabilità di sopravvivere in seguito a dosi potenzialmente letali dello stesso veleno. I risultati mostrano che l'allergia può essere utile e rivelare alcuni dei meccanismi molecolari al lavoro, ma gli esperti dicono che le implicazioni per gli esseri umani non sono ancora chiare.

Negli esseri umani e in altri mammiferi, il sistema immunitario respinge sostanze non familiari e potenzialmente dannose, come virus o tossine, in due modi. La cosiddetta reazione di "tipo 1" risponde a virus, batteri e altri microbi distruggendoli, mentre la reazione di "tipo 2" utilizza una serie di sintomi - tra cui starnuti, tosse e diarrea - per espellere gli allergeni dal corpo.

Poiché la risposta di tipo 2 e l'anticorpo che produce, l'immunoglobulina E (IgE), è stata associata a resistenza alle infezioni da vermi , molti scienziati pensano che si siano evoluti per proteggersi dai parassiti (al contrario dei microbi) ma che non hanno uno scopo protettivo moderno. Nel mondo sviluppato privo di parassiti, corrono dilaganti, reagendo con sostanze fastidiose come polline o noccioline con fastidio o, nel caso di shock anafilattico (una reazione allergica estrema che può causare grave gonfiore e difficoltà di respirazione), conseguenze pericolose per la vita . O così la teoria prevalente va.

Ma il patologo Stephen Galli della Stanford University School of Medicine di Palo Alto, in California, pensava che le risposte di tipo 2 avessero avuto un brutto colpo. Per esplorare gli effetti - e scoprire i potenziali benefici - delle reazioni di tipo 2, lui ei suoi colleghi hanno esposto i topi a un allergene comune: veleno d'api. Hanno somministrato una dose di veleno - circa quanto trovato in una o due punture di api - a due ceppi di topi: un ceppo di tipo 1 soggetto a risposta e un ceppo di risposta di tipo 2. Due gruppi di controllo degli stessi ceppi non hanno ricevuto iniezioni.

Indipendentemente dalla loro predisposizione alle reazioni di tipo 1 o 2, entrambi i gruppi di topo "stung" hanno mostrato una risposta di tipo 2, aumentando la produzione di anticorpi IgE specifici per il veleno. Poi, 3 settimane dopo, i ricercatori hanno dato a tutti i topi una dose potenzialmente letale del veleno e hanno atteso per vedere cosa sarebbe successo.

"Era una risposta che un allergologo non si aspettava", dice Galli. "La seconda volta, i topi sono stati protetti."

L'ottantasei percento dei topi proni di tipo 1 che avevano avuto una reazione allergica sono sopravvissuti alla dose, contro solo il 7% dei topi che non erano allergici. Tra i topi di tipo 2, l'80% dei topi allergici è sopravvissuto, mentre solo il 28% dei topi non allergici lo ha fatto. Gli scienziati hanno visto un simile effetto protettivo quando hanno ripetuto l'esperimento usando il veleno di serpente, che contiene alcuni degli stessi allergeni presenti nel veleno delle api.

Gli anticorpi proteggevano i topi anche quando i roditori non li avevano prodotti. Iniettare topi carenti di IgE con siero di sangue ricco di IgE specifico per il veleno è stato sufficiente a conferire protezione, dice Galli. E ripetere l'esperimento in topi privi di IgE o la capacità di rispondere ad esso non ha mostrato alcun effetto protettivo.

I risultati lo suggeriscono le risposte di tipo 2 possono essersi evolute per proteggersi dai veleni e dai parassiti e che stanno ancora servendo questa funzione, il team riporta oggi sulla rivista Immunità .

Il meccanismo di difesa potrebbe aver aiutato gli umani a sopravvivere nelle condizioni difficili in cui ci siamo evoluti, dice Galli. "Abbiamo passato molto tempo a incontrare insetti velenosi e rettili, ed è probabile che questo meccanismo di difesa lo abbia reso possibile."

In uno studio separato pubblicato anche oggi a Immunità L'immunologo Ruslan Medzhitov della Yale University School of Medicine e colleghi lo confermano i topi con una precedente risposta di tipo 2 al veleno d'api hanno una maggiore resistenza a dosi potenzialmente letali della sostanza in seguito e che i topi senza IgE perdono questo effetto protettivo. Inoltre, il team ha rintracciato l'ingrediente del veleno che scatena l'allergia, un enzima chiamato PLA2 che danneggia le membrane cellulari e si trova nei veleni di serpenti, ragni e molte altre creature. I ricercatori hanno elaborato ogni fase della catena di eventi che porta alla reazione di tipo 2. Il sistema immunitario invia un'ondata di messaggeri chimici chiamati citochine per riparare il danno causato dal PLA2, e questo attiva la risposta di tipo 2, dice Medzhitov.

"Per quanto ne so, questa è la prima prova diretta che le risposte mediate da IgE possono essere protettive e benefiche", dice Medzhitov. "È come la sensazione del dolore: è molto spiacevole, ma molto importante per la nostra protezione."

"Questi sono studi molto interessanti e eccellenti", afferma l'immunogenetica Kathleen Barnes della Johns Hopkins University di Baltimora, nel Maryland, che non è stata coinvolta in nessuno studio, "ma dobbiamo esercitare cautela nell'applicare questi risultati negli esseri umani." Risposta umana di tipo 2 posa una serie di misteri, dice lei. Ad esempio, non è chiaro se le persone con forti risposte di tipo 2, che sono inclini alle allergie, godano di una maggiore resistenza ai veleni rispetto al resto di noi, o perché la risposta di tipo 2 può causare sintomi potenzialmente letali in alcuni individui. Gli studi offrono importanti nuove informazioni, ma lasciano queste domande senza risposta, dice.

L'immunologo Fred Finkelman dell'università di Cincinnati College of Medicine in Ohio è d'accordo. "Insieme, questi studi completano la nostra comprensione dell'evoluzione della risposta allergica", dice. "Ma questo è più l'inizio della storia che la fine di esso."

Loading ..

Recent Posts

Loading ..