Primo tipo di virus della dengue in 50 anni

Primo tipo di virus della dengue in 50 anni

BANGKOK Gli scienziati hanno scoperto un nuovo tipo di virus che causa una pestilenza centenaria, la dengue. La scoperta sorprendente, annunciata oggi in una grande conferenza sulla dengue, è destinata a complicare gli sforzi per sviluppare un vaccino contro una malattia tropicale che sta diventando una minaccia globale pervasiva. Ma potrebbe far luce su da dove viene il patogeno e se si sta evolvendo in una minaccia più grande. La scoperta "potrebbe cambiare il modo in cui pensiamo all'evoluzione e all'emergenza del virus dengue", afferma Duane Gubler, esperta di dengue presso la Duke-NUS Graduate Medical School di Singapore.

Non esiste alcun vaccino o farmaco contro la dengue, che è diffuso dalle zanzare e provoca febbre e a volte dolori articolari e dolori muscolari a volte strazianti. I pazienti in genere guariscono da soli, sebbene i casi gravi necessitino di assistenza medica. Occasionalmente, la malattia progredisce fino alla dengue emorragica, una complicazione potenzialmente fatale in cui il sangue scorre attraverso le pareti dei vasi. Un'infezione da dengue conferisce immunità per tutta la vita a quel particolare tipo. Ma la successiva infezione con un secondo tipo aumenta la probabilità di una malattia grave. Con questo in mente, gli sviluppatori di vaccini hanno cercato di proteggersi da tutti e quattro i tipi simultaneamente.

Potrebbe essere diventato più impegnativo. Per caso, i ricercatori che hanno esaminato campioni virali di dengue hanno scoperto un virus raccolto durante un'epidemia nel 2007 nello stato di Sarawak della Malesia, che sospettavano fosse diverso dai quattro sierotipi originali. Hanno sequenziato il virus e scoperto che è filogeneticamente distinto dagli altri quattro tipi. Gli esperimenti hanno scoperto che gli anticorpi di scimmia prodotti contro il nuovo tipo differiscono significativamente da quelli risultanti dai virus di dengue precedentemente noti. "Abbiamo scoperto e caratterizzato un nuovo sierotipo di dengue", ha annunciato Nikos Vasilakis, virologo presso l'Università del Texas Medical Branch a Galveston, qui oggi al Terza conferenza internazionale su Dengue e febbre emorragica di dengue .

"Hanno fatto un ottimo lavoro nel caratterizzare il virus, ed è convincente che sia diverso dagli altri quattro", dice Thomas Scott, un esperto di dengue dell'Università della California, Davis.

Ciò che può significare per il controllo della dengue non è chiaro. Finora, la dengue 5 è stata collegata a un solo focolaio nell'uomo. Vasilakis sospetta che circoli, forse tra i macachi, nelle foreste del Sarawak. Se si diffonde, potrebbe rendere più impegnativo lo sviluppo del vaccino umano. "Non abbiamo bisogno di un'altra complicazione nel controllo della dengue", dice Scott.

Gli attuali sforzi per frenare la malattia stanno fallendo. Durante i colloqui qui oggi, ricercatori provenienti da Malesia, Filippine e Tailandia hanno affermato che nonostante i programmi di controllo lanciati negli anni 2000, i casi di dengue sono in aumento, anche se il numero delle vittime è diminuito grazie a una migliore gestione dei casi gravi. "La dengue si sta diffondendo dalle aree urbane a quelle rurali e in paesi come il Nepal, dove non è mai stata vista prima", ha detto Samlee Plianbangchang, direttore regionale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità del Sud-Est asiatico. L'incidenza globale annuale, vicina a 390 milioni di casi, è circa tre volte l'onere precedentemente stimato, i ricercatori hanno riferito nel mese di aprile in Natura .

Nonostante a battuta d'arresto recente nello sviluppo del vaccino, Plianbangchang ha detto che i progetti in cantiere hanno i ricercatori "in attesa di un vaccino nel prossimo futuro". Ma aggiunge che un vaccino completerà, non sostituirà, gli sforzi per contenere la dengue attraverso il controllo delle zanzare e la consapevolezza pubblica. "La dengue sarà con noi per molti anni e potrebbe peggiorare", ha detto.

Loading ..

Recent Posts

Loading ..